Saldatrici a Vibrazione

La saldatura a vibrazione è un tipo di saldatura che sfrutta, per la generazione del calore, la frizione fra due corpi. Per frizione si intende lo sfregamento fra due parti plastiche tra le quali si crea attrito. Il principio di funzionamento è l’utilizzo di una vibrazione orizzontale che trasla  anche di 1mm una parte rispetto all’altra, generando quindi il calore necessario alla fusione tramite lo sfregamento fra le parti producendo quindi la saldatura. La saldatura a vibrazione è indicata soprattutto per grosse saldature.

A livello pratico, i due pezzi da saldare sono messi nel saldatore a vibrazione il quale comincia ad effettuare un movimento orizzontale mettendo in vibrazione la parte superiore rispetto a quella inferiore. La frequenza e l’ampiezza sono definite dall’operatore insieme alla pressione di saldatura. Il movimento è alternato per creare frizione su tutta la superficie da saldare. Cosi facendo dunque si sviluppa il calore necessario per far si che i due pezzi fondano.

Questa tecnologia è adatta per una larga quantità di materiali termoplastici, tra cui anche il polipropilene, poliammide caricato e non caricato o per le combinazioni di materiali eterogenei come PMMA con ABS. Ovviamente la superficie dei componenti da saldare deve consentire lo sfregamento delle due parti e deve essere opportunamente sagomata secondo le nostre indicazioni fornite nelle fasi preliminari di studio.

Le saldatrici a vibrazione sono dotate di pannelli computerizzati per facilitare l’interazione con l’operatore e per rendere più semplice la fase di programmazione della saldatura.I macchinari sono dotati di pannelli computerizzati per facilitare l’interazione con l’operatore e per rendere più semplice la fase di programmazione della saldatura.

 

Campi di Applicazione della Saldatura a Vibrazione

La tecnica della saldatura a vibrazione è perfettamente appropriata per una larga varietà di termoplastici, compresi i materiali reputati “difficili” come il polipropilene, il poliammide caricato e non caricato, con o senza additivi. Questo metodo di saldatura si presta ugualmente per la combinazione di materiali eterogenei come il PMMA con ABS o il legno con altri termoplastici. I pezzi possono variare per dimensioni e forme, la sola condizione è che le superfici di contatto consentano il movimento reciproco delle due parti da assiemare.

 

Rotofrizione

Una particolarità delle saldatrici a frizione è la possibilità di lavorare su pezzi rotondi, per questo viene detta rotofrizione. Ha un funzionamento molto semplice: si fa ruotare il pezzo superiore su quello inferiore, l’attrito genera calore e quindi fa fondere i due pezzi che si saldano. La peculiarità della rotofrizione indexata è che è possibile decidere la posizione finale in cui i due componenti verranno bloccati e saldati. Questa tecnologia vanta una grande affidabilità di processo.

CONTATTACI
Contattaci per informazioni

I campi contrassegnati con * sono richiesti

Il tuo nome*

La tua email*

Oggetto

Il tuo messaggio

Privacy:
Autorizzo il trattamento dei dati *

I dati inviati sono raccolti e gestiti al fine di rendere possibile lo svolgimento del rapporto di fornitura e/o prestazione nel rispetto del D.lgs. 196/2003. In qualsiasi momento si potrà richiedere la modifica o la cancellazione dei suddetti dati. Responsabile per il trattamento dei dati è Raima S.r.l. nella figura dell'amministratore. Si leggano al riguardo, prima di inviare i dati, le specifiche sulla privacy.

TUTTI I NOSTRI PRODOTTI